Zambelli Luca
Dalla frammentazione alla rete, il caso studio della Rete dei Redattori Precari

riassunto / citazione / abstract:
Uno dei punti di forza di questa rete di lavoratori della conoscenza è infatti la sua struttura auto-organizzata: l’assenza di una gerarchia e la massima libertà di iniziativa riconosciuta ai membri della rete sono emersi come elementi estremamente apprezzati nei racconti delle persone che ho intervistato. La natura volontaristica di questa organizzazione e la percezione del legame diretto tra la propria disponibilità e quanto la Re.Re.Pre riesce a realizzare sono caratteristiche che permettono
a questa realtà di valorizzare al massimo il complesso di saperi in possesso dei knowledge workers che la compongono, i quali possono giocare un protagonismo non opprimente, che pare essere un forte incentivo alla partecipazione. L’autoorganizzazione della Re.Re.Pre, d’altra parte, non significa disorganizzazione o improvvisazione, ma massima libertà d’azione per i membri della rete all’interno
dei nodi locali e possibilità di confronto alla pari all’interno della rete sui temi nazionali.

autore:
Luca Zambelli

bibliografia (tutta o parziale):
Beck, U., 2000. Il lavoro all’epoca della fine del lavoro: Tramonto delle sicurezze e nuovo impegno
civile. Einaudi.
Gallino, L., D’Agati, M., 2008. Il declino del sindacato fra crisi di rappresentanza e sfide future.
Intervista a Luciano Gallino. Nuvole, 1-7.
Marazzi, C., 1999. Il posto dei calzini. La svolta linguistica dell’economia e i suoi effetti sulla
politica. Bollati Bo, Torino.
Mattoni, A., 2012. Media Practices and Protest Politics. Ashgate, Burlington.
Murgia, A., Selmi, G., 2011. Inspira e cospira. Forme di auto-organizzazione del precariato in Italia.
Sociologia del lavoro 123, 163-176.
Piore, M., Safford, S., 2006. Changing regimes of workplace governance, shifting axes of social
mobilization, and the challenge to industrial relations theory. Industrial Relations: A Journal of
Economy and Society 2006 (March).
Teli, M., Pisanu, F., Hakken, D., 2007. The internet as a library-of-people: For a cyberethnography

questa tesi è stata condivisa con licenza:

scaricala

This entry was posted in tesi, tesi specialistiche. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>